domenica 1 marzo 2015

Guido Cavani a "Gli amici del libro" il 28/02/2015

da treccani.it, Dizionario Biografico degli Italiani
CAVANI, Guido. - Nacque a Modena il 5 ott. 1897 da Remigio e Corinna Brugnoli, primo di cinque figli. La pur dignitosa modestia, della famiglia (il padre era cameriere) non gli permise di frequentare la scuola oltre la terza classe dell'istituto tecnico, costringendolo inoltre, ancora studente, ad entrare precocemente nel mondo del lavoro, dapprima con saltuari incarichi di cascherino e di venditore, poi con quello fisso di fattorino presso la tipografia dell'Immacolata.

Ottenuta in seguito la licenza tecnica, fu assunto come commesso alla libreria Vincenzi, una delle più importanti della città. Chiamato alle armi con la classe 1899 (era stato rivedibile due volte), partecipò al primo conflitto mondiale come soldato semplice, e fu sugli altipiani di Asiago e a Caporetto. Congedato, entrò nell'amministrazione comunale come guardia municipale, impiego modesto che gli permetteva però di dedicarsi alla poesia.
Aveva intanto ottenuto di venir sganciato dall'organico, e di passare come bibliotecario all'istituto Lodovico Ferrarini, fondato dall'ornonimo deputato socialista e dotato di mezzi sufficienti per accrescere e aggiornare la già ricca biblioteca, costituita all'origine con lo scopo preciso di offrire un utile e accessibile strumento culturale alle classi meno abbienti. Presso il Ferrarini ebbe opportunità di arricchire e precisare il proprio patrimonio culturale, iniziando anche a miusurarsi con vari esponenti della cultura modenese che frequentavano l'istituto.
Estintosi nell'immediato dopoguerra l'istituto Ferrarini, il C. rientrò per qualche tempo nell'organico, ma ben presto fu distaccato alla Bibl. Poletti, dove resterà fino al pensionamento.
Da tempo sofferente, il C. morì a Modena il 23 apr. 1967.

A Gli Amici del Libro Ispani Luca ha illustrato la poetica di Guido Cavani, Vanna Bassoli ha magistralmente letto alcune sue poesie dialettali e Roberto Roganti ha interpretato la sua poesia in lingua italiana.



Opere
  • Lumi di sera. Guanda, 1940.
  • Silvestro. Ferraguti, 1956.
  • Nei segni della festa. Ferraguti, 1957.
  • Nei ritorni a me stesso. Guanda, 1960.
  • Zebio Còtal. Feltrinelli, 1961 (poi Mondadori, 1976; Giunti, 1996; Coviliarte, 2008; Isbn edizioni, 2009).
  • Il fiume. Cooptip, 1965.
  • Il fiume e altri racconti. Rebellato, 1970.
  • Silvestro e una novella. Rebellato, 1970.
  • Racconti, introduzione di Fabio Marri, Incontri, Sassuolo, 2014.
  • Poesie. Opera completa, a cura di P. Belloi, E. Colombini, Elis Colombini editore, 2014. ISBN 9788865091111 www.colombinieditore.it