mercoledì 30 novembre 2016

Ben Pastor - Il signore delle cento ossa


Romana (soltanto) di nascita, ma americana a tutti gli effetti, Ben Pastor ha scritto narrativa di generi diversi, ma s’è ritagliata da tempo lo spazio più importante nel poliziesco storico con la figura originalissima di Martin Bora, tenente della Wehrmacht negli anni del secondo conflitto mondiale. In questo romanzo un Bora agli albori della sua carriera investigativa, ancora entusiasta del suo lavoro nel controspionaggio, riceve dal Reich, nell’aprile del 1939, l’incarico di scoprire chi sia il Signore delle cento ossa, nome in codice di una spia al soldo degli americani, che secondo una prima ipotesi si identifica nella persona di Ishiro Kobe, generale giapponese in visita a Lipsia. Purtroppo però Kobe viene assassinato insieme al suo aiutante di camera, con modalità scabrose che rinviano a un delitto d’onore o di passione, ma Bora non è convinto e comincia a indagare, inoltrandosi in ambienti sordidi dove la guerra incombente favorisce intrighi, bugie, tradimenti, e dove perderà la sua fede negli ideali del nazismo. Tre ci appaiono gli indubbi meriti della Pastor: una qualità stilistica notevole, tra secchezza incisiva e tratti poetici; una grande capacità di introspezione psicologica dei personaggi, affiorante soprattutto dai dialoghi serrati; la ricostruzione documentatissima di tutta un’epoca. Unico neo: il sistematico inserimento di pagine di diario di Bora, che rallenta il ritmo narrativo e, di conseguenza, il fluire degli eventi.

* Luigi Guicciardi (Modena, 1953) è uno scrittore e insegnante italiano, docente di lettere presso il Liceo Scientifico Alessandro Tassoni di Modena. Di lontane origini siciliane, ha creato il personaggio del commissario Cataldo, protagonista di una serie di romanzi polizieschi.  La 15° indagine del commissario Cataldo è reperibile nelle migliori librerie o ordinabile sul circuito online: Giorni di dubbio