mercoledì 7 dicembre 2016

James Lee Burke - L'occhio del ciclone


Americano di Houston, ma cantore soprattutto dell’amata Louisiana, James Lee Burke (1936) s’è guadagnato un posto di rilievo nell’universo della crime fiction con la creazione del detective Dave Robicheaux di New Iberia, dalle indagini tortuose e imprevedibili. Anche in questo Occhio del ciclone (1993), forse il più famoso della serie – tanto che Bertrand Tavernier ne ha tratto di recente un film con Tommy Lee Jones protagonista – Robicheaux è impegnato a collegare il sanguinoso omicidio di una ragazza, al ritorno in città di un pericoloso criminale, e alla ferita di un passato che ancora non s’è rimarginata: il ricordo del linciaggio di un nero da parte di due razzisti, cui ha assistito di persona da bambino. In questa indagine lo aiutano, prevedibilmente, un’ostinata agente speciale dell’FBI, e, imprevedibilmente, lo spettro di un ufficiale confederato, con le sue oniriche meditazioni. La definizione di “Faulkner della detective story”, per Burke, non deve far sorridere: effettivamente la pittura ambientale densa e poetica, la potenza espressiva delle pagine più violente, la concisione drammatica dei dialoghi, lo stile sapienziale e aforismatico, la capacità di intrecciare presente e passato e di sovrapporre sogno e realtà in una trama sempre coinvolgente, fanno di Burke un autore di prima qualità nel pur notevole panorama contemporaneo del giallo made in U.S.A.


* Luigi Guicciardi (Modena, 1953) è uno scrittore e insegnante italiano, docente di lettere presso il Liceo Scientifico Alessandro Tassoni di Modena. Di lontane origini siciliane, ha creato il personaggio del commissario Cataldo, protagonista di una serie di romanzi polizieschi. 
La 15° indagine del commissario Cataldo è reperibile nelle migliori librerie o ordinabile sul circuito online:
Giorni di dubbio