venerdì 28 aprile 2017

Michael Connelly - Il ragno (aggiornato)


Creatore, in servizio permanente effettivo, del famoso Harry Bosch, detective della squadra omicidi della Divisione Hollywood di Los Angeles, in classifica anche quest'anno in Italia con La scatola nera, lo statunitense Michael Connelly si configura sempre più come autentico giallista di razza per via di due qualità fondamentali: 1) lo stile incisivo, dinamico, coinvolgente, tanto “visivo” da essere di per sé già sceneggiatura cinematografica (come per Debito di sangue, del 2002, filmato e interpretato da Clint Eastwood); 2) lo spessore umano del suo protagonista, mai pura macchina da indagine, ma uomo solitario e tormentato, con un vissuto fatto di dubbi, nevrosi e inquietudini quotidiane. 
Tra i tanti gialli della saga Bosch, ci piace scegliere il defilato Il ragno (1999) per l'originalità della trama, che la recente cronaca nera americana ha reso di straordinaria attualità: in una funicolare di Los Angeles viene trovato ammazzato un popolarissimo avvocato di colore, da anni vittorioso patrocinatore di cause contro il dipartimento di polizia della città, accusato di razzismo e di brutalità. Consapevole di muoversi su un campo minato, a causa dell'odio di quasi tutti i suoi colleghi per la vittima, Bosch s'immerge per l'ennesima volta in un'indagine ad altissimo rischio non solo per la sua carriera, ma anche per la sua stessa vita, in una Los Angeles dalle tensioni sociali sempre più acute e minacciose...


per chi fosse interessato a leggere il libro:


* Luigi Guicciardi (Modena, 1953) è uno scrittore e insegnante di italiano, docente di lettere. Di lontane origini siciliane, ha creato il personaggio del commissario Cataldo, protagonista di una serie di romanzi polizieschi. 
La 16° indagine del commissario Cataldo è reperibile nelle migliori librerie o ordinabile sul circuito online: Una Tranquilla Disperazione