mercoledì 21 giugno 2017

Tony Hillerman - Il vento oscuro



Di origine anglo-tedesca, ma nato negli USA, esattamente a Sacred Heart (Oklahoma), territorio degli indiani Seminole, Tony Hillerman (1925-2008) ha avuto già nella sua nascita i segni del suo destino, se è vero che s'è guadagnato un posto originale nel Giallo internazionale grazie all'ambientazione peculiare dei suoi romanzi, quasi tutti incentrati, dal 1970, sulle indagini di Joe Leaphorn o Jim Chee, della polizia tribale navajo. Un Giallo “etnografico” dunque, quello di Hillerman, che – oltre a offrirci un plot di buona presa e di discreta scrittura – ha contribuito indirettamente alla conoscenza di vari aspetti della cultura indiana (navajo, zumi e hopi), dalle cerimonie alla lingua e al folclore, con un impegno civile che non è sfuggito neppure al cinema americano più impegnato (Marlon Brando, Robert Redford). Che dire di questo Vento oscuro, del 1982? Che si apre col cadavere di un giovane navajo non identificato, prosegue con due morti ammazzati dentro un aereo abbandonato nel deserto, continua col sabotaggio della ruota a vento per l'irrigazione di una riserva indiana e registra, a metà del suo percorso, la sparizione di un grosso quantitativo di droga... Un bel tour de force per Jim Chee, non vi pare? Buona lettura.

* Luigi Guicciardi (Modena, 1953) è uno scrittore e insegnante di italiano, docente di lettere. Di lontane origini siciliane, ha creato il personaggio del commissario Cataldo, protagonista di una serie di romanzi polizieschi. 
La 16° indagine del commissario Cataldo è reperibile nelle migliori librerie o ordinabile sul circuito online: Una Tranquilla Disperazione