mercoledì 19 luglio 2017

Ed McBain - Gioco di pazienza per l'87° Distretto (aggiornato)



Il nome di Ed McBain (o Evan Hunter) definisce immediatamente, per milioni di lettori appassionati, un Maestro riconosciuto, ma non del mystery o giallo classico, bensì del romanzo poliziesco o procedural novel, come lo si battezza oggi in America. Basterebbe infatti anche solo la serie dell'87° Distretto ad assicurargli un posto di rilievo in questo genere narrativo, corroborato anche da  vari film che registi importanti hanno tratto dalle sue pagine (Brooks, Frankheimer, Chabrol, Kurosawa...). 
Trame robuste, di grande tenuta narrativa; ambientazioni di assoluto realismo; padronanza e precisione tecnica delle procedure d'indagine; uso scioltissimo del dialogato, sul modello di un Hemingway o di uno Scott Fitzgerald (gli stessi dei nostri “americani” Fenoglio e Vittorini): sono tutte qualità che nessun romanzo smentisce, compreso questo Jigsaw del 1970, tradotto (non banalmente) in Gioco di pazienza per l'87° Distretto. Pur scritta con la mano sinistra rispetto a capolavori quali Due colpi in uno L'assassino ha lasciato la firma, questa storia imperniata sulla sanguinosa ricerca dei frammenti di una foto, che – se ricomposta per intero – indicherebbe il posto dove è stato nascosto il malloppo di una vecchia rapina, appassiona e coinvolge fino alla fine anche i più esigenti e smaliziati lettori d'oggi (come il sottoscritto), col suo esperto dosaggio di dramma e ironia, violenza e umanità.


per chi fosse interessato a leggere il libro:


* Luigi Guicciardi (Modena, 1953) è uno scrittore e insegnante di italiano, docente di lettere. Di lontane origini siciliane, ha creato il personaggio del commissario Cataldo, protagonista di una serie di romanzi polizieschi. 
La 16° indagine del commissario Cataldo è reperibile nelle migliori librerie o ordinabile sul circuito online: Una Tranquilla Disperazione